Andiamo alla DAKAR 2022

Data:

Tue, Jan 04, 22

Sabato 1° gennaio è partita da Jedda la 44ª edizione del Rally Dakar che si svolge per la terza volta interamente in Arabia Saudita. Terminerà il 14 gennaio nella stessa città di partenza dopo 13 tappe e aver coperto una distanza complessiva pari di circa 8375 km, di cui 4259 di prove speciali.

Grandi corridoi di rosse dune sabbiose, rocce sedimentarie, altopiani e spettacolari canyon, sabbie molli e pianure saline contornate da massicci solitari fanno da cornice al percorso che i piloti devono seguire. Che essi si trovino al volante di una moto, di un camion o di una macchina..., non possono perdere la concentrazione neanche un secondo perchè il luogo dove ci troviamo non perdona leggerezze.

Ma questa è la vera avventura.

Le persone arrivano da tutto il mondo per partecipare, per sfidare se stessi e i limiti che impone il luogo e spingere i confini del loro possibile e del mezzo che guidano oltre l'immaginabile.

Noi siamo fortunati. Possiamo seguire questo famoso rally e viverlo attraverso gli occhi e i racconti del nostro amico Domenico Cipollone che partecipa nella sezione "BIKE" ci aggiorna assiduamente sulla sua esperienza.

Come possiamo leggere sul sito ufficiale Dakar:

"Domenico nella vita di tutti i giorni veste i panni eleganti del manager di una multinazionale, ma appena può infila una tuta per correre in auto o, ancora meglio, stivali e casco da motocross per buttarsi in mulattiere o sulla sabbia. La passione di Domenico per gli sport motoristici viene da quando era molto piccolo, anche se non avendo nessun parente in casa che lo supportasse ha dovuto faticare molto per convincere i suoi a lasciargli guidare una moto. Da quel momento, tuttavia, non ha mai più smesso. Si è allenato nei più bei deserti del mondo, grazie anche all’amicizia che lo lega a Alessandro Botturi e Jordi Arcarons che ha conosciuto al suo primo vero rally, il Desert Logic del 2011. Nel 2014 si cimenta nel famoso Hell’s Gate e scopre che le sfide estreme lo attraggono senza scampo. Nello stesso anno corre il Pharaons Rally con una Yamaha noleggiata e ottiene buoni piazzamenti, che lo entusiasmano per iscriversi ad altre competizioni internazionali. Tra il 2016 e il 2021 inizia così una lunga serie di partecipazioni tra Merzouga, Panafrica, Marocco e Africa Eco Race (quest’ultima con un gran bel risultato) e la Dakar del 2017 (unica che non ha terminato). Anche questo episodio ha contribuito a fornirgli importantissimi insegnamenti per un rally di queste dimensioni ed impegno, che gli torneranno sicuramente utili per l’edizione 2022 alla quale parteciperà con una specialistica KTM 450 Rally Replica.

D.C. – “Il mio obiettivo è quello di divertirmi e arrivare alla fine della gara. Ho già fatto alcune gare altrettanto dure e quindi ho più o meno in mente cosa aspettarmi, conosco i miei limiti e i miei punti di forza, per quanto io sia un manager e non un pilota professionista sono abbastanza sereno. Sono consapevole che sarà dura e che ci sarà da soffrire ma mi aspetto di godermi una bellissima esperienza. Nel 2017 ho partecipato alla mia prima Dakar, in Sud America, dove il meteo ha fatto davvero la differenza sulle condizioni del percorso. Nel mio caso specialmente, visto che nella notte si sono create delle pozze di fango che non erano riportate nel roadbook ma che ci sono state segnalate alla mattina prima della partenza, informazione che io ho sottovalutato e sono caduto rovinosamente in una di esse. Non ho interpretato al meglio il messaggio che ci era stato dato alla partenza e anche questo è parte del grande gioco della Dakar. Sono fiducioso per quest’anno, ho più esperienza e mi sento bene per sperare in un bel risultato. Sebbene non sia riuscito a dedicarle molto tempo, ho fatto un’ottima preparazione grazie all’aiuto e supporto di tre grandi professionisti che voglio ringraziare: Francesco il mio fisioterapista, Enrico il preparatore atletico ed Andrea il nutrizionista.”

Possiamo seguire i suoi resoconti sui suoi social e sui nostri:
Facebook | HRX BespokeMotorsport: https://www.facebook.com/hrxbespokemotorsport
Instagram | hrx_bespokemotorsport: https://www.instagram.com/hrx_bespokemotorsport/

HRX accompagna Domenico nella sua avventura fornendogli tutto l'abbigliamento tecnico e sportivo necessario alla competizione e lo ha reso AMBASSADOR per la nuova avventura di HRX WATCHES.

HYPER RACER è il primo cronografo di HRX Watches disegnato nella sede italiana di HRX e poi sviluppato nel nostro atelier di Neuchatel in Svizzera: il perfetto connubio tra design italiano e tecnologia svizzera!

Ispirato al design dei volanti da competizione, HYPER RACER è un tributo a tutti i piloti che corrono e vincono ma, allo stesso tempo, è anche la grande opportunità che HRX offre a tutti gli appassionati di motorsport: avere al loro polso un oggetto che richiami l’importanza dei valori di impegno e determinazione a partecipare e vincere queste competizioni.

Facebook | Hrx Watches: https://www.facebook.com/Hrxwatches
Instagram |  hrx_watches: https://www.instagram.com/hrx_watches/